13.01.2014

EVENTO GUANXINET: martedì 21 Gennaio FEDERICO RAMPINI a Valdagno

Voglio in questo spazio divulgare le attività e gli eventi del territorio che ritengo interessanti e quello di Martedì 21 a palazzo Festari, (Valdagno) con Federico Rampini è sicuramente un incontro da non perdere. Organizza il GUANXINET e la serata vedrà la presentazione di "Banchieri - Storie dal nuovo banditismo globale" l'ultima fatica del grande giornalista e scrittore.
La crisi economica scoppiata nel 2008 con il fallimento della banca d'affari americana Lehman Brothers sembra non avere fine, in Italia come nel resto d'Europa: nonostante i governi e gli economisti si arrovellino sulle misure da adottare, le aziende chiudono, la disoccupazione aumenta, i consumi crollano.
E la responsabilità della recessione in corso è stata addossata, di volta in volta, al mercato dei mutui statunitensi - i famigerati «subprime» -, allo strapotere della finanza, al peso schiacciante del debito pubblico.
Federico Rampini nell'affrontare tutto questo cambia punto di vista e non si chiede a «che cosa» imputare la colpa ma piuttosto a «chi», affermando senza indugio: «I banchieri sono i grandi banditi del nostro tempo. Nessun bandito della storia ha mai potuto sognarsi di infliggere tanti danni alla collettività quanti ne hanno fatti i banchieri».
Rampini, forte della sua ecperienza negli USA, racconta chi sono i banchieri di oggi, come abbiano potuto adottare comportamenti tanto perversi, assumersi rischi così forti e agire in modo talmente dissennato da provocare un'autentica Pearl Harbor economica.

Condurrà l’incontro Marco Mari, del network Guanxinet, fondatore di legalPAD (www.legalpad.it), un progetto internazionale il cui scopo è portare il Diritto e l’Economia alle persone. Ha curato “Wake Up, Italia! – pamphlet per la ricostruzione del Paese” (2012, Centro Studi sulle Istituzioni).

 

http://www.martinidrapellinetwork.it/eventi/anno_2014/Presentazione%20libro%20Rampini%2021_01_14.pdf


Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per informazioni maggiori leggi la privacy policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Chiudi il banner